parallax background

Marco Giarratana

Federica Palazzina
3 novembre 2017
Apple bread alle nocciole
9 novembre 2017

Un uomo a tutto...tonno!


Siciliano di origini ma ormai milanese di adozione, Marco Giarratana, alias "L'uomo senza tonno", ha deciso di investire tutta la sua vita sui suoi progetti e passioni personali tanto da trasformare la cucina in un vero e proprio lavoro. Ora è dunque "scièf" a domicilio, foodblogger e non solo, è anche appassionato di musica, di letteratura, sociologia, psicologia e filosofia orientale.



 
Raccontaci di te…

Sono siciliano e vivo a Milano da 7 anni. Fino a poco meno di 2 anni fa facevo tutt’altro nella vita, avevo una normale vita d’ufficio e un appartamento tutto per me, poi la perdita congiunta di casa e lavoro nel giro di una settimana mi ha spinto a investire sui miei progetti personali e la cucina è diventata adesso un lavoro. Sia cucinata che scritta, perché oltre a fare lo scièf e tenere lezioni a domicilio, collaboro con alcune testate online e sto lavorando anche a un libro che uscirà per Longanesi tra non molto.
Sono totalmente autodidatta e faccio diversi viaggi durante l’anno in cui mi faccio ospitare da estranei andando in cerca di ingredienti e piatti tipici, è un vero e proprio format che è chiamato #TonnoInTour, giusto ad agosto sono stato per 20 giorni in giro per la Puglia.
Ma i miei interessi non si limitano solo alla cucina, sono anche un musicista (ho fin qui pubblicato 4 dischi), ho scritto recensioni musicali per più di 10 anni e sono un grande appassionato di letteratura e saggistica, soprattutto sociologia, psicologia e filosofia orientale.

Ingrediente preferito?

Sono tanti e spesso dipende dalle stagioni. Il sempreverde è il formaggio, di qualunque tipo e stagionatura, più puzzano meglio è. Vado spesso per mercati e mercatini e ne compro diversi che poi metto in sottovuoto e mangio successivamente.
In estate mi piace molto usare le melanzane, poi adoro i gamberi, soprattutto per farne creme e bisque, i carciofi, i funghi, soprattutto gli shiitake, uso molto il miso e l’umeboshi così come il riso e amo le erbe amare, soprattutto quelle selvatiche che purtroppo è molto difficile trovare a Milano.

L’accessorio che non deve mai mancare nella tua cucina?

Oltre al mio fido set di coltelli, deve esserci sempre un frullatore insieme a un colino a maglie strette, lo chinoise.

 
Da chi ti lasci ispirare?

Più che dagli chef mi faccio ispirare dagli ingredienti.
Non sono molto interessato a seguire la scena gastronomica, preferisco stare sui libri di cucina a leggere ricette e provare procedimenti, andare in giro a caccia di ingredienti che possano dare il là a nuovi piatti piuttosto che conoscere le vicende dei cuochi.
Insomma, il gossip gastronomico non rientra nelle mie attività quotidiane.

Cena a sorpresa, cosa prepari?

Un antipasto con capesante marinate nello spumante e lavanda, scottate in padella con del lardo e accompagnate da una spuma di barbabietole.
Come primo un risotto con nero di seppia e 'nduja con una mousse di caprino allo zafferano, per secondo un bel polpo croccante con crema di stracciatella, basilico e del mango marinato all’aceto balsamico. Direi che dovrebbe essere una sorpresa discretamente decente.

Sociale o asociale?

Per carattere sono una persona molto solitaria ma il mio lavoro mi permette di bilanciare la mia necessità di trascorrere molto tempo da solo dato che ho molto contatto con gli altri.
Mi piace molto stare sui social, dato che sono uno strumento di lavoro, studio molto il comportamento online delle persone e credo che negli ultimi tempi stia aumentando un uso malato fatto di odio gratuito e lamentele su qualunque cosa. Io dico solo che, così come le sensazioni positive, anche la sfiducia e il malumore sono contagiosi e chi si ostina ad affermare che fa tutto schifo, chi trova sempre un motivo per deturpare qualunque cosa bella accada o faccia qualcun altro, non arreca un danno all’obiettivo delle sue invettive ma sta facendo del male a un’intera società, quella italiana, che ha un grande bisogno di coltivare una sana autostima e rilanciarsi.
Quindi i social vanno usati bene, con criterio.

Social

- uomosenzatonno.com
- Facebook
- Instagram

Array ( [0] => 4104 [1] => 4494 [2] => 3717 )