parallax background

Milano da bere

Paccheri ripieni
28 Febbraio 2017
Distilleria Nardini
28 Febbraio 2017

La miscelazione. Uno scenario d’eccellenza nella “Milano da Bere”


Marco Mignani, il pubblicitario che nel 1987 creò lo slogan “Milano da bere” seppe di aver cristallizzato in quel claim uno stile di vita che ha fatto storia, ma mai immaginò di essere profetico per uno scenario che oggi vede questa città come una protagonista internazionale in fatto di cocktail.
L’arte della miscelazione made in Milan è oramai radicata ed esportata come esempio di eccellenza. Così siamo andati a scoprire tre luoghi che ci confermano quanto “il bere bene” è una cultura, uno stile, un vero piacere. E una richiesta esplicita da parte di un target di consumatori sempre più preparato e curioso.

 

Proprio lungo il Naviglio Grande, crocevia della movida milanese, il MaG CAFÉ apre i battenti 5 anni fa grazie all’intraprendenza e alla sensibilità creativa del bartender Flavio Angiolillo e del socio Marco Russo. Una visione che supera l’estro, ça va sans dire, fatta di miscelazione d’alto profilo accompagnata da una cura estetica del locale di gusto bohémien che lo rende inconfondibile in ogni più piccolo dettaglio e perfetto per ogni momento della giornata: dalla colazione a notte fonda.
La ricerca del MaG CAFÉ si estende agli ingredienti, al servizio curatissimo fino all’arredo. Una nota rigorosamente non inclusa nella proposta: la staticità. Tutto è in evoluzione, tutto è ricerca, dalle numerose etichette, ai complementi d’arredo – di cui alcuni in vendita - dagli ingredienti di qualità alla drink list che i clienti possono consultare rigorosamente aprendo dei libri, e quindi scoprendo un vero tesoro. Come nasce la drink list? Con una sfida che il team lancia e coglie. Perché è il team il valore aggiunto di tutto il progetto, come ci spiega durante l’intervista Francesco Bonazzi, bar manager. Un gruppo affiatato e legato da un misterioso anello Chevalier che porta i nomi di tutti e tre i locali di Angiolillo e Russo: il MaG CAFÉ, il “1930”, vero speakeasy e il Backdoor 43, il bar più piccolo al mondo. Il cliente non può che rimanere conquistato e rapito da questo percorso audace e stimolante nel mondo della mixology vintage e di quella ispirata, magari, a date di nascita, eventi storici o dal GIAPPONE, uno dei drink più significativi del MaG CAFÉ (gin, infuso con Shiso, assenzio, cardamomo, lime, zenzero e salvia).
Un piccolo cameo spetta al Backdoor 43, tecnicamente il bar più piccolo al mondo. Di fatto la più grande scoperta che un cliente possa fare. Minuscolo, 4 sedute, un bar microscopico ma efficiente anche per offrire cocktail take away da ordinare attraverso un piccolo pertugio posto accanto alla porta. Luci soffuse e delle pareti che parlano… di storie di spirits con distillati di tutto rispetto in bottiglie micro, vecchie foto, oggetti da collezione dal gusto quasi esoterico. Tanto fascino da assorbire in sole 2 ore, tempo massimo di permanenza, poi si lascia il posto ad altri.

MAG - Milano
MAG - Milano
MAG - Milano
MAG - Milano
 

Seguendo la corrente del Naviglio Grande si arriva ad una piccola via – Via Fumagalli - e al mitico RITA & COCKTAILS. Si segue anche l’energia pura di Edoardo Nono fondatore, insieme all’amico e socio storico Gianluca Chiaruttini, di questa meta autentica per chi di cocktails se ne intende. E di buona musica. Edoardo ci accoglie, infatti, con una play list “già di spessore” prima di aprire i battenti per l’inizio della serata, si scaldano i motori! L’energia qui non manca mai. Edoardo è stimolante e così anche tutta la sua brigata.
Edoardo è un anfitrione perfetto che spiega la genesi del RITA, dal 2002 anno di fondazione, fino ad oggi, forte della sua grande esperienza di barman. La sua sensibilità e la sua visione concreta del mondo del bere bene ha portato il RITA ad essere il locale più apprezzato per chi considera il cocktail un’arte da gustare, dove la qualità non può mai venir meno. Fruibilità e facilità di comprensione è ciò che Edoardo offre al cliente; la concretezza nella miscelazione e nella degustazione anche dei piatti. Ingredienti naturali e freschi di prima qualità, mai liofilizzati, per drink e food è la volontà del RITA messa in pratica fin dagli esordi. Cocktail accompagnati da una proposta di piatti gourmet interessanti, come sottolinea Gianluca Chiaruttini che segue questa parte senza schemi e su ispirazione quotidiana. Serviti rigorosamente al tavolo, nessun buffet.
Nel 2016 il RITA si amplia, fortunatamente, arriva un restyling strutturale e d’arredo dove scompaiono i grandi tavoli per dare il giusto risalto a postazioni più piccole e al grande bancone a ferro di cavallo. È l’altare simbolico dove il team capitanato dal giovane e preparato barman Leonardo Todisco mette in atto il rituale della miscelazione a partire dallo storico Gin Zen fino al sorprendente Beet Truth con coulis di barbabietola. Il bancone è l’hub che tutti i clienti vogliono raggiungere. La parete di fronte è lo scenario ideale della bottigliera del RITA. E il suo nome? È lì sulla parete, in tutta la sua bellezza, con il suo font vintage anni’50 e l’esprit volutamente italiano.
Geniale, infine, la scelta delle divise di tutto lo staff, Edoardo compreso: maglia a righe bianche e blu, casacca blu da officina. Ecco che in un colpo d’occhio paiono tutti dei formidabili strateghi della sala macchine di una nave rompighiaccio. Con musica, talvolta, che non conosce limiti di decibel. Il rito del RITA ha inizio! Ogni sera dalle 18.30.

Rita Cocktails - Milano
Rita Cocktails - Milano
Rita Cocktails - Milano
Rita Cocktails - Milano
 

Ci accoglie in questo tempio decò, Salvatore Scamardella barman del CLUB DECÒ, ideato da Andrea e Dario Di Marino esattamente un anno fa in zona Sempione. Ci accompagna alla scoperta di questo luogo raffinato e curato in ogni dettaglio.
Di origini partenopee, Salvatore ha una fortissima esperienza nell’arte della miscelazione, con una grande passione per l’estremo oriente, Shanghai precisamente, dove ha maturato esperienze che oggi gli permettono di ideare una drink list sorprendente.
Leggendola bene, infatti, emerge un grande interesse per il cibo e quindi l’unicità di alcuni abbinamenti che si prestano con audacia ai drink del CLUB DECÒ. Salvatore ama le sfide, la sua miscelazione, infatti, è futuristica.
L’avanguardia non è un solo un movimento artistico ma lo stimolo per arrivare ad applicare tecniche di cottura per drink davvero inconsueti: sciroppo di pane, o l’estratto di friarielli per un Bloody Mary decisamente rivisitato. Un Vermouth ai carboni vegetali che si ritaglia un suo spazio anche come digestivo.

Non ultimo i cocktails vegani che fanno da sfondo alla proposta firmata CLUB DECÒ insieme a curatissimi drink analcolici dai nomi evocativi: Feng Shui e Mexican Ace.
E questo approccio così geniale si riversa anche nella parte food con assaggi studiati ad hoc per accompagnare i cocktails e declinati a sapori di terra e di mare. Il gusto per l’originalità vale anche nella scelta dei complementi.
La nuova drink list, che sarà presentata in occasione del primo anniversario, avrà cocktails serviti in ricci di mare fatti di ceramica, bicchieri a forma di brik per il latte, e bicchieri che ricordano le tazze termiche del caffè take away.
Tutta l’esperienza di degustazione del CLUB DECÒ si completa con la magnificenza del bancone bar lungo ben 15 metri, con 6 work station e con alle spalle una bottigliera da lasciare senza parole!
Un archivio di liquori, vermouth e distillati di tutto riguardo, magistralmente incastonati nelle silhouette del mobile, negli specchi e nell’illuminazione in perfetto stile decò.
CLUB DECÒ ospita anche l’arte con eventi legati alla pittura, alla fotografia e alla musica come Jazz e Blues.

Club Decò - Milano
Club Decò - Milano
Club Decò - Milano
Club Decò - Milano
 
Milano da bere:
MAG CAFE'
Ripa di Porta Ticinese, 43 - 20143 Milano
Tel. +39 02 39562875
Facebook
Instagram

RITA & COCKTAILS
Via Angelo Fumagalli, 1 - 20143 Milano
Tel. +39 02 8372865
Facebook
Instagram

CLUB DECO'
Via San Galdino, 5 – 20154 Milano
Tel. +39 02 34538156
Facebook
Instagram
Array ( [0] => 2529 [1] => 3131 [2] => 2700 )