parallax background

Pasta Fresca

Happy Hour
28 agosto 2018
Pulizia del Vitamix
11 giugno 2018

Questo mese parliamo di Pasta Fresca! Tanti consigli, ricette e promozioni per voi!


VOGLIA DI PASTA FATTA IN CASA



Con le prime nebbie e le temperature più rigide viene indubbiamente voglia di trascorrere più tempo in cucina a preparare con le proprie mani tutte quelle cose che magari necessitano di un po’ di tempo e di attenzione, come ad esempio la pasta fresca. In televisione non c’è cuoco che si rispetti che non si esibisca in impasti realizzati al momento, quasi fosse d’obbligo in una cucina ben condotta.
Un po’ è vero, ne va dell’orgoglio nazionale, e poi la soddisfazione di portare in tavola un piatto fumante di pasta fatta in casa non ha eguali, oltre a donarci istantaneamente patente di gran chef con amici e parenti.
Si devono però rispettare alcune regole basilari. La scelta degli ingredienti è fondamentale, giacché son solo due: farina e uova, o farina e acqua più un pizzico di sale. Appare subito chiaro che la partita si gioca principalmente sulla farina.
In linea di massima si sceglierà un impasto all’uovo con una farina “forte” come la semola di grano duro, ovvero ricca di proteine, per paste lunghe o ripiene, in modo che sia più resistente e si possa tirare bene. Una farina debole in questo caso potrebbe far sì che l’impasto si rompesse, o non tenesse la cottura.
Al contrario per le paste di piccolo formato, come ad esempio le orecchiette o gli strozzapreti, si seguirà la tradizione di un impasto con l’acqua e una farina più debole, come una 00. Si sposeranno così al meglio con i sughi della tradizione.
Si possono naturalmente operare tutte le variazioni sul tema, le possibilità sono infinite, con l’aggiunta di altre farine come quelle di grano saraceno, di castagne o di granoturco.
Nell’impresa la tecnologia ci viene in aiuto, rendendo semplici operazioni faticose come la fase di impasto, grazie alle impastatrici che hanno l’ulteriore vantaggio di non scaldare la pasta. Questa si potrà utilizzare senza il canonico riposo che anticamente era dovuto al calore delle mani.
Anche stenderla è diventato un gioco da ragazzi, grazie ai rulli la cui superficie già conferisce alla sfoglia quella ruvidità normalmente data dalla spianatoia di legno e che aiuta la pasta ad assorbire il sugo.
Insomma non ci sono scuse per non cimentarci nella produzione casalinga di tagliatelle, lasagne e ravioli, tant’è vero che i freddi e tetri mesi che ci aspettano non hanno altro da offrire che la rincuorante prospettiva di una sana e robusta tavola.


Testo di:
- Pierre Ley
Array ( [0] => 5209 [1] => 5207 [2] => 4864 )