Spesa di Aprile

Cosa acquistare nel mese di Aprile

Aprile è il trionfo della primavera, delle prime fioriture e dei germogli novelli come gli asparagi o il rabarbaro, del colore verde brillante degli spinaci e delle erbette di campo. Tanti ingredienti freschi, colorati e sani ispireranno le vostre ricette e daranno il benvenuto alla nuova stagione!

Ecco qualche suggerimento in più dalla redazione!

La spesa di Aprile

Asparagi


Proprietà e benefici:
Sono ricchi di fibre vegetali, acido folico e vitamine, come la vitamina A, la vitamina C ed la vitamina E.
Sono altamente depurativi poiché ricchi di asparagina, dal particolare effetto diuretico.
Sono ricchi di inulina, un antinfiammatorio naturale per l'apparato digerente.
In cucina:
Crudi, pelati a fette sottili, tagliati a carpaccio anche nel gambo.
Cotti al vapore e conditi con un filo d’olio o gratinati al forno.
Come base per gustose vellutate e pesti per pasta, in abbinamento a riso e cereali integrali.
Consigli:
Sceglieteli di un bel colore brillante, e preferibilmente da agricoltura biologica.
Consumateli leggermente sbollentati o crudi per godere al massimo di tutte le loro proprietà benefiche e depurative.

- Vai alle ricette con gli asparagi

Piselli


Proprietà e benefici:
Sono una buona fonte di proteine vegetali, carboidrati, fibre e vitamine come la A, la C, la B1, la B6 e la B9.
Sono ricchi di acido folico e sali minerali, tra cui fosforo, zinco, magnesio, ferro e calcio.
Sono ricchi di potassio, che apporta benefici ai muscoli e regala loro proprietà diuretiche.
In cucina:
Da consumare sempre previa cottura, sono ideali come contorno cotti al vapore e saltati in padella, da accompagnare a carne e pesce.
Sono una buona base proteica per insalate o minestroni di verdura.
I baccelli possono essere lessati e usati per vellutate o salse.
Consigli:
Acquistateli preferibilmente freschi nei loro baccelli, sono ottimi anche quelli surgelati.
Scegliete baccelli integri e duri e conservateli in frigorifero per 3-4 giorni.

- Vai alle ricette con i piselli

Spinaci


Proprietà e benefici:
Sono molto ricchi di ferro e di minerali preziosi come potassio, calcio, magnesio e fosforo.
Sono una fonte preziosa di vitamina A, vitamina C e vitamina K, importante per preservare le ossa in salute.
Sono ricchi di acqua e di fibre essenziali per il funzionamento regolare dell’intestino.
In cucina:
Consumati a crudo in insalata con una spruzzata di limone per assumerne al meglio le proprietà, il ferro e l’acido folico.
Come base per sani e golosi frullati o estratti di succo.
Appena scottati al vapore, come contorno o in sformati, torte salate, ripieni per pasta
Consigli:
Sceglieteli preferibilmente biologici e freschi.
Controllate che le foglie siano di un verde vivo e completamente integre, si conservano in frigo per 3-4 giorni.

- Vai alle ricette con gli spinaci

Pompelmo


Proprietà e benefici:
E’ ricco di vitamina C, oltre a fibre, sali minerali come il potassio e flavonoidi, dalle proprietà antiossidanti.
E’ molto ricco di acqua, stimola la diuresi e brucia i grassi.
Il suo gusto amaro gli conferisce proprietà disintossicanti per il fegato e tutto l’organismo.
In cucina:
Perfetto in estratti e frullati in combinazione con frutta di stagione.
Pelato al vivo e aggiunto a sfiziose insalate.
In creativi antipasti di pesce o in vinagrette agrodolci.
Consigli:
Scegliere i frutti dalla buccia liscia e regolare e dalla consistenza soda

- Vai alle ricette con il pompelmo

Rabarbaro


Proprietà e benefici:
E’ ricco di vitamina A, vitamina C, vitamina K e vitamine B.
E’ una preziosa fonte di minerali come calcio, potassio, magnesio, ferro, fosforo, sodio, rame.
Esercita un’azione depurativa per il fegato, digestiva e lassativa.
In cucina:
E’ indicato per la preparazione di liquori e digestivi, per marmellate, decotti e confetture.
Viene usato nei dolci, come farcitura per le torte e crostate.
Può anche essere servito in veste salata, come contorno nelle insalate o in salse agrodolci.
Consigli:
Utilizzate le coste sode e i piccioli fogliari carnosi come ingrediente culinario.
Evitate il fogliame perché tossico e troppo ricco di acido ossalico.

- Vai alle ricette con il rabarbaro